Progetto TREAT & robomate

robomateAPC-Pro è lieta di poter offrire, in esclusiva per la Svizzera, RoboMate, una piattaforma educativa personalizzabile che comprende differenti software comportamentali studiati per essere utilizzati in abbinamento a due robot umanoidi: Nao prodotto in Francia e Zeno negli Stati Uniti. Robomate consente quindi, mediante un intrattenimento educativo, di far interagire i robot con i bambini affetti da autismo, in base alle esigenze del paziente o terapista.

Il progetto TREAT è un progetto di Behaviour Labs, startup che sviluppa soluzioni software per robot umanoidi, con l’obbiettivo di soddisfare le esigenze del mercato della social, personal, ed eHealth robotics.

Premiato da Working Capital Telecom nel 2013, sviluppato con il supporto del CNR IFC sede di Messina, realizza una nuova terapia per il trattamento dell’autismo, basata sulla piattaforma roboMate e sulla programmazione del robot tramite opportuni software realizzati da Behaviour Labs.

RoboMate in aiuto ai bambini soggetti ad autismo

La soluzione inventata si basa sull’implementazione di una metodologia innovativa per l’interazione uomo-robot applicata alla terapia dei deficit dello sviluppo, in grado di offrire una piattaforma di supporto al miglioramento delle interazioni sociali e cognitive dei bambini che presentano difficoltà di interazione sociale, ascrivibili allo spettro autistico, con limitate capacità di interazione verbale e cognitive. La metodologia sviluppata prevede l’impiego di nuove tecnologie ed in particolare di un Tablet munito di schermo multi-touch, di un sofware e di un robot umanoide antropomorfo.

L’esigenza e la soluzione

Il progetto nasce dall’esigenza di offrire una nuova soluzione per la terapia dei disturbi dello sviluppo e di assistere la famiglia ed il bambino nel complesso, e non sempre facile, percorso terapeutico orientato allo sviluppo delle abilità sociali. Attraverso l’utilizzo di strumenti tecnologici è stato ideato un sistema di “edutainment“ del bambino orientato all’educazione e alla stimolazione di modalità di interazione sociale adeguate al contesto. Si assisteranno la famiglia e i terapisti nella comprensione dei processi interattivi e nella gestione e supervisione del bambino, in contesti protetti e ricchi di elementi e occasioni di apprendimento.

Il sistema è composto dai seguenti elementi principali:

1. il software sviluppato da Behaviour Labs ed il tablet, che costituiscono il medium dell’interazione, attraverso il quale il terapista può sperimentare nuovi spazi di espressione e di comprensione in un contesto protetto e di gioco.

2. il Robot come elemento esecutivo e di verifica dell’interazione precedentemente definita, e, almeno nella prima fase di coaching, come supporto e interfaccia verso parenti e terapisti.


Articoli

Il Journal of Autism and Developmental Disorders, rivista con fattore d’impatto pari a 3.384, ha pubblicato un recente articolo Social Robots as Embedded Reinforcers of Social Behavior in Children with Autism, in cui emerge che nei soggetti da loro analizzati di età scolare e con disturbo dello spettro autistico ad alto funzionamento …asocial robot can elicit greater verbalization than asocial (but less preferred) interaction partner, an adult human. We have shown that a robot elicits greater verbalization than a preferred but asocial interaction partner, a computer game. More importantly, asocial robot increases social interaction with another person, more than an adult, or a computer game does. These findings suggest that robots, with appropriate clinical guidance, may make useful supplements to communication and social skills interventions by facilitating social interaction with an adult, and by eventually being developed into uniquely embedded social reinforcers.

Da tale articolo si evidenzia che l’interazione con il robot elicita una maggiore verbalizzazione rispetto l’interazione con un interlocutore umano o un computer. Inoltre il robot aumenta l’interazione sociale con un’altra persona rispetto quanto possa fare un adulto o un computer. La mediazione del robot alla terapia in soggetti con disturbo dello spettro autistico potrebbe essere un valido supporto al clinico per un miglioramento della comunicazione e delle abilità sociali dei soggetti affetti dalla sindrome.


Video

 

Per contattarci